di

Eventi Facebook croce e delizia del social network di Casa Zuckerberg. Gli eventi Facebook, da un lato, rappresentano un potente strumento per comunicare. Dall’altro, sono visti come fumo negli occhi dagli utenti Facebook, che ogni giorno ne subiscono gli inviti insistenti.

Il post Docnrolla, pur non soffermandosi particolarmente sugli aspetti meramente pratici, cerca di spiegare il modo migliore di creare un evento Facebook.

Nel post Docnrolla, inoltre, si vuole spiegare come creare titoli, descrizioni ed immagini per dare la massima visibilità agli eventi Facebook. In quest’ottica quindi il post evidenzia gli aspetti fondamentali da curare per creare degli eventi Facebook perfetti.

Cosa sono gli eventi Facebook

Gli eventi Facebook sono uno strumento a disposizione di tutti gli utenti del social network di Casa Zuckerberg, a prescindere che questi gestiscano su Facebook un profilo o una pagina. Ogni singolo evento Facebook pone l’attenzione su un determinato aspetto delle nostra attività all’interno del social network. Comunica qualcosa di particolare di noi, del nostro business o semplicemente dei nostri hobby. Cerca comunque di coinvolgere il maggior numero di amici o follower, invitandoli e facendoli appassionare. Pertanto la creazione di un evento Facebook non deve essere lasciata mai al caso. Specialmente se vogliamo che funzioni.

Come creare un evento Facebook

La procedure per creare un evento su Facebook è estremamente semplice, ma in questo post Docnrolla, come preannunciato, non trattiamo direttamente l’argomento. Per chi volesse approfondire questi aspetti pratici può fare riferimento al blog di Salvatore Aranzulla, ad esempio, sempre puntuale su questi argomenti.

Come impostare il setting degli eventi Facebook

Il setting degli eventi Facebook

Dopo aver creato un evento Facebook non resta altro che controllare di aver compilato a dovere tutte le sezioni messe a nostra disposizione. Cioè in altre parole è necessario immediatamente curare il setting del nostro evento Facebook. Partiamo dall’alto.

Immagine di copertina di un evento Facebook

L’immagine di copertina negli eventi Facebook è probabilmente, insieme al titolo, l’elemento più immediatamente riconoscibile nella timeline degli utenti. Del resto non è un segreto che, in generale, all’interno dei social network una bella immagine di copertina tira più di una quadriglia di buoi. Rendendo più probabile il click e quindi la visualizzazione e forse addirittura la lettura del contenuto sottostante l’immagine. Nel nostro caso l’evento Facebook.

Perciò nello scegliere l’immagine di copertina più appropriata per il nostro evento Facebook bisogna trovare il modo graficamente migliore per essere come si suol dire “accattivanti”. Ovviamente senza esagerare e sempre cercando di realizzare un’immagine di buona qualità. Questo non vuol dire quindi necessariamente creare solo una buona locandina se l’evento, ad esempio, è il concerto della nostra band. Ma al contrario è un invito a cercare una chiave di comunicazione grafica che possa attrarre immediatamente l’attenzione di chi si imbatte nel nostro evento Facebook.

Una buona idea, quindi, è sicuramente quella di creare più immagini di copertina per ogni evento Facebook, in modo da poter periodicamente cambiare “veste” grafica. Il massimo sarebbe poter “raccontare” una storia attraverso una serie di immagini di copertina diverse tra loro, ma tutte coerenti con l’oggetto della comunicazione. In parole povere. Perfetto elaborare più vesti grafiche per il nostro evento Facebook. Sbagliato confondere chi guarda. Quindi è necessario mantenere un minimo la tavoletta dei colori, ad esempio, e le informazioni di base.

Da ricordare che le dimensioni dell’immagine di copertina degli eventi Facebook sono di circa 1920 x 1080 pixel (proporzioni 16:9). Inoltre nella parte inferiore dell’immagine di copertina appare in sovrimpressione il titolo dello dell’evento Facebook. La data dell’evento copre parte dell’angolo in basso a sinistra dell’immagine. Perciò attenzione a come si sceglie il colore o la “fantasia” della parte inferiore dell’immagine di copertina del nostro evento Facebook. Per il resto libertà assoluta di comunicare.

Come scrivere il titolo di un evento Facebook

Negli eventi Facebook il titolo deve essere chiaro e corto. Deve riuscire ad attrarre il lettore, interessandolo ed informandolo. Ma deve, anche e soprattutto, invogliare l’utente Facebook a proseguire nella visualizzazione dell’evento. Perciò un buon titolo degli eventi Facebook dovrebbe anche essere un po’ un’anteprima della descrizione dello stesso evento. Il tutto, però, preferibilmente in non più di 70 battute, cioè caratteri e spazi inclusi. Insomma nulla di più semplice vero?

Sulla scrittura dei titoli ci sono molte teorie e sicuramente in Rete si può trovare molti decaloghi sull’argomento. Alcuni consigliano di scrivere il titolo solo dopo aver concluso la stesura della descrizione. Ma dipende molto da come siamo abituati a scrivere. Non c’è una vera è propria regola da seguire in merito. Per esempio sulla pagina Facebook dedicata a Docnrolla inizialmente si scrive un titolo provvisorio così come se fosse un “titolo bozza”. Poi dopo aver steso e ricontrollato più volte l’intera descrizione si torna sul titolo e lo si ritocca. Ma questa è solo una delle tante tecniche, ognuno deve trovare la propria.

Creato il titolo finale del nostro evento Facebook è necessario porsi ad alcune domande.

“Questo titolo è chiaro ed breve (non più di 70 battute)?
Questo titolo descrive a pieno l’evento?
Questo titolo invoglia a cliccare e visualizzare l’evento Facebook?
Se a queste domande rispondiamo con tutti si, allora abbiamo creato potenzialmente un buon titolo e quindi possiamo passare alla stesura della descrizione dell’evento Facebook.

Da notare come può essere un’ottima idea utilizzare le giuste parole chiave (cosiddette keywords) nello scrivere il titolo. Argomento questo che affrontiamo subito parlando della descrizione degli eventi Facebook. Inoltre da ricordare che non è necessario scrivere il titolo tutto in maiuscolo. Non è naturale e non conferisce maggiore visibilità all’evento Facebook.

Eventi Facebook: la descrizione, come scriverne una decente

Dopo l’immagine di copertina e il titolo al nostro evento Facebook manca solo il cuore, cioè la descrizione. Infatti se con i primi due siamo riusciti ad attrarre l’utente, ora con la descrizione dobbiamo cercare di convincere il visitatore. Cioè dobbiamo interessare il lettore invogliandolo a leggere tutto ciò che scriviamo allo scopo di farlo cliccare su partecipa. Per poi aspettarlo materialmente all’evento che stiamo comunicando. Per far questo dobbiamo cercare di scrivere la descrizione dell’evento Facebook in modo molto accurato.

Per il testo delle descrizione la prima cosa da fare è individuare le giuste parole chiave. Se non sappiamo come si fa possiamo dare uno sguardo a Keyword : seo tool e strumenti Google (nel post anche un video tutorial Docnrolla un po’ vecchiotto, ma comunque sempre attuale).

La seconda cosa importante per scrivere una buona descrizione degli eventi Facebook è strutturare ciò che scriviamo in capoversi. Generalmente sei in tutto. Il primo dedicato ad una sorta di sintesi dell’evento. Gli altri relativi alle tipiche domande della regola delle 5W (Chi? cosa? dove? quando? perché?). Ogni capoverso, costituito mediamente dalle tre alle cinque frasi, deve avere uno stile semplice e sintetico con poche subordinate.

Proviamo ad essere più chiari. Consideriamo ad esempio il primo capoverso. Questo lo dobbiamo immaginare da un lato come un estratto di tutta la descrizione dell’evento Facebook. Dall’altro come la prosecuzione del Titolo dello stesso evento. Perciò non commettiamo il più classico degli errori inserendo nel primo capoverso della descrizione, ad esempio, il prezzo del biglietto e l’orario di apertura e chiusura evento. Dal momento che queste due informazioni devono essere inserite all’interno dei paragrafi  del “dove” e del “quando”. Oppure ripetendo, tutto maiuscolo, il titolo. Come se fosse veramente importante ribadire in questo modo il concetto.

Importante è scrivere un testo che possa essere letto rapidamente. Perciò l’imperativo categorico è essere sintetici. In fondo alla descrizione dell’evento Facebook possiamo inserire i riferimenti web. L’immancabile email per i contatti ( o il link relativo alla pagina contatti sul sito ufficiale). I fondamentali indirizzi di profili e account di altre piattaforme social media. Nonché l’indirizzo, se esiste, di una pagina specifica dell’evento ospitata sul sito ufficiale. All’interno della quale viene spiegato in modo più approfondito la natura e la dinamica dell’evento stesso.

Fondamentale è scrivere e pubblicare una sola volta la descrizione. Cioè evitare di modificarla molte volte. Infatti alcuni creatori di eventi modificano spesso la descrizione dell’evento, pubblicando versioni sempre più complete. Quasi volessimo incuriosire l’utente di Casa Zuckerberg attraverso una sorta di comunicazione fatta di descrizioni teaser misteriose. Espediente che può risultare alla fine un grosso errore. Dal momento che a meno di eccezioni generalmente le prime descrizioni risultano essere estremamente criptiche e poco allettanti. Risultato i primi utenti, magari i potenzialmente più interessati all’evento, non capiscono ciò a cui sono stati invitati ed etichettano l’evento come poco interessante. Gli eventi Facebook sono uno strumento potente, ma di certo non fanno miracoli. Lasciamo quindi la comunicazione teaser ad esempio ai video e scriviamo in modo preciso da subito le descrizioni dei nostri eventi Facebook.

Nota bene. Se dopo un ottimo lavoro di sintesi ci troviamo ad aver comunque scritto troppo. Cioè ci accorgiamo che la lettura della nostra descrizione risulta “faticosa”, perché troppo lunga. Possiamo fare dei tagli anche abbastanza radicali ed includerli in una o più note, che successivamente andiamo a pubblicare all’interno dello stesso evento Facebook appena creato. Ma su questo utilizzo alternativo delle note di Facebook ci ritorniamo nel post Docnrolla Eventi Facebook: come usare al meglio lo strumento di Casa Zuckerberg.

Eventi Facebook: come creare un evento a Casa Zuckerberg

Evento facebook vs comunicato stampa

Perciò alla fine l’evento Facebook potrebbe risultare molto simile ad un comunicato stampa. Questo grazie ad esempio alla struttura della descrizione. A mio parere no. Infatti l’evento Facebook e il comunicato stampa pur avendo magari la stessa struttura di base, si riferiscono ad un pubblico profondamente diverso. Perciò inevitabilmente hanno un linguaggio diverso. Se il comunicato stampa è generalmente riferito ad un pubblico di professionisti costituito da blogger, giornalisti ed agenzie di stampa. Diverso discorso si deve fare per gli eventi Facebook. Infatti in quest’ultimo caso il linguaggio deve essere necessariamente meno formale, dal momento che l’utenza è profondamente diversa. Però questo dipende anche da come abbiamo abituato i nostri amici o i nostri follower nel caso di una pagina Facebook.

Perciò un grosso errore potrebbe essere quello di copiare un comunicato stampa ed incollarlo all’interno della descrizione del nostro evento Facebook.

Eventi Facebook: considerazioni finali sullo strumento di Casa Zuckerberg

Gli eventi Facebook sono uno strumento molto utilizzato all’interno del social network di Casa Zuckerberg. Per questo motivo è necessario crearli seguendo delle regole abbastanza precise. Un buon lavoro iniziale ripaga sempre successivamente in termini di visibilità e quindi di riuscita dell’evento stesso. A patto ovviamente che dopo aver capito come creare un evento Facebook si proceda ad usare al meglio lo strumento di Casa Zuckerberg. Ma di questo ne parliamo in un altro post Docnrolla dal titolo Eventi Facebook: come usare al meglio lo strumento di Casa Zuckerberg.

Categoria:
Argomenti del post:

FacebookTips & TricksTools

Ricerca altri contenuti
Lascia un commento:

Powered by Google+ Comments

Privacy & Cookies Policy

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati

Accetta

Privacy Policy