di

Nel precedente post abbiamo visto come è possibile, quando si scrive, strutturare un post nel modo migliore da un punto di vista sia di navigabilità che di appetibilità per il lettore. In questo post invece vogliamo capire come rendere compatibile ciò che abbiamo scritto con le regole del Web2.0 e dei motori di ricerca (SEO). Per fare ciò, in questo post parliamo di keywords: come individuare le keywords (e le relative keywords density) più adatte a migliorare il posizionamento (visibilità)del nostro post perfetto, del blog all’interno della SERP.Detto questo ecco l’indice del post:

  1. INDIVIDUARE LE KEYWORDS
  2. RIADATTARE POST A NUOVE KEYWORDS

 

INDIVIDUARE LE KEYWORDS

Post perfetto keywords density

Se siamo arrivati (ancora vivi – nota Docnrolla) a questo punto dovremmo avere scritto un post ben strutturato sia a livello di coerenza e logica, sia da un punto di vista formale (qualunque struttura abbiamo deciso di utilizzare). Ora dobbiamo badare al testo del nostro post per renderlo perfetto.

Cose da fare quindi: INDIVIDUARE LE KEYWORDS

Nel post (SEO: KEYWORDS) abbiamo già parlato di alcuni strumenti per identificare le keywords giuste per ogni argomento, in base al comportamento degli utenti quando ricercano (inseriscono le loro query) su Google. Ora vediamo come utilizzarli al meglio.

Scritto il post ci occorre sapere se è perfettamente integrato con il contesto generale del nostro blog, cioè è necessario capire se ciò che stiamo per pubblicare ha le giuste keywords. Per giuste keywords intendiamo quelle che abbiamo fino a questo momento utilizzato (o che abbiamo intenzione di utilizzare in futuro) negli altri post del blog, quelle, per intenderci, con le quali abbiamo raggiunto un certo posizionamento nella SERP e che, in qualche modo, ci caratterizzano, ad esempio, agli occhi di Google.

 N.B. Docnrolla: questo discorso delle keywords che caratterizzano il nostro blog e ci permettono di avere un certo posizionamento è un concetto estremamente importante che può e deve essere applicato anche, in tutte le attività all’interno dei Social Media e, in generale, a tutto il nostro Web2.0.

Detto questo andiamo a questo indirizzo http://www.icrossing.com/tools/calculator.htm e copiamo interamente il nostro post nel riquadro di destra. Ovviamente questo indirizzo è un suggerimento, infatti ci sono numerosi siti che danno gratis questo servizio. Un altro, ad esempio è questo http://www.live-keyword-analysis.com/ e ha lo stesso funzionamento per precedente indirizzo.

Per mezzo di questi aiuti riusciamo a migliorare la keywords density del nostro post, evitando molti errori, come un eccesso di ripetizioni della stessa parola (percentuale Keywords density troppo alta) o poche ripetizioni all’interno del post (keywords density bassa).

Capita per ogni  keywords la relativa keywords density, dobbiamo rendere il testo del nostro post un bel posto per i motori di ricerca come Google che badano molto al trend delle ricerche degli utenti. Per far ciò andiamo all’indirizzo di Google Adwords http://www.google.com/insights/search/# sempre di Google e guardiamo un po’ le varie combinazioni di keywords che più ci interessano, tra quelle che caratterizzano il nostro blog e il nostro post in scrittura e le keywords cosiddette di tendenza.

Consiglio Docnrolla: ancora una volta qui i Social Media possono giocare un ruolo determinante in fase di scrittura di un post e non solo in fase di divulgazione. Il consiglio che diamo e di sfruttare Twitter, ad esempio, e i suoi Hashtag di tendenza del giorno ( o del periodo) o lo stesso Friendfeed.

N.B.: per comprendere quale siano le percentuali giuste e come ragionare con le keywords sarebbe conveniente rileggere nella sezione SEO due post in particolare: SEO Keywords e SEO Meta Tag

RIADATTARE POST A NUOVE KEYWORDS

Post Perfetto

Individuate le, diciamo, nostre nuove keywords, rimettiamo mano alla tastiera e correggiamo dove possibile il testo badando anche alla keywords density “nuove”.

La Figura qui sopra mostra l’esempio di un post perfetto. Sinteticamente spiega un po’ quello detto fino a questo momento, anticipando anche l’argomento del prossimo post sempre della serie come scrivere un post perfetto: le IMMAGINI ed il SEO.

Consiglio Docnrolla: Non tralasciamo questo passaggio perchè può essere la differenza tra un post buono e un post perfetto.

 

Categoria:
Argomenti del post:

BloggingSeo

Altri dalla categoria Codex
Altri dalla categoria Appunti
Ricerca altri contenuti
Lascia un commento:

Powered by Google+ Comments

Privacy & Cookies Policy

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati

Accetta

Privacy Policy